Passa ai contenuti principali

Come funziona la stampante laser a toner?

Tutte le stampanti laser funzionano tramite l'utilizzo di cartucce toner praticamente un inchiostro in polvere che viene impresso sul foglio grazie alle alte temperature di fusione.

Il toner una volta portato a temperatura viene inserito nelle fibre della carta e questo da' un tocco professionale alla stampa ed una qualità nel tempo riuscendo a dare lucentezza alle stampe senza bisogno di adoperare carte fotografiche.

Detto ciò se avete bisogno di stampare una foto ricordo o un documento importante tenete presente che la stampa laser può garantire una durata nel tempo molto più lunga rispetto alle altre tecnologie.

Che sia bianco e nero o a colori il procedimento non cambia.

Vengono chiamate laser perchè trasferiscono il toner su carta tramite una carica elettrica sul tamburo e trasferta .... si si laser ci sarebbe solo la parte di lettura dell'originale durante una fotocopia.

Se volete approfondire leggete sotto

Scritto da Nicolò Titone


Dettaglio funzionamento: (da Wikipedia)

L'immagine da riprodurre (proveniente da supporto cartaceo o elettronico) è riportata da un laser su un cilindro di selenio reso fotosensibile, detto "tamburo" o "rullo magnetico", che con la luce si carica, acquisisce l'immagine in negativo, immagazzina il toner e lo riporta poi sulla carta.

Il procedimento consiste in 7 fasi.

  1. caricamento statico del tamburo attraverso il PCR (rullo primario caricabatteria). Il flusso continuo di corrente elettrica proveniente dal PCR genera uno stato di carica negativa sulla superficie fotosensibile del tamburo.
  2. esposizione: Il raggio laser legge l'immagine da riprodurre e scansiona la superficie del tamburo togliendo la carica negativa nelle aree dove il toner non dovrà collocarsi, nella successiva fase di sviluppo. Sulla superficie del tamburo a questo punto risulta esserci un'immagine "nascosta" che non è altro che la riproduzione in negativo dell'immagine da stampare.
  3. sviluppo: la fase di sviluppo avviene attraverso l'immagazzinamento, da parte del tamburo magnetico, della polvere del toner sull'immagine nascosta. La polvere del toner, proveniente dal proprio serbatoio (le cui aperture sono adiacenti al tamburo) viene attratta sul tamburo stesso e si attacca alle aree rimaste sensibili alla carica negativa, cioè all'immagine nascosta. Nel procedimento interviene anche una lama dosatrice (racla) che regola la quantità di polvere toner nella zona del rullo magnetico. Il suo compito è quello di livellare l'acquisizione del toner togliendo il superfluo.
  4. trasferimento: il passaggio successivo è lo spostamento del toner sul foglio di carta. Durante il suo scorrimento il foglio viene caricato positivamente dal rullo di spostamento, per far sì che il toner sul tamburo, con carica negativa, si trasferisca sul foglio di carta creando l'immagine da stampare.
  5. fusione: le particelle di toner che sono già presenti sul foglio di carta non sono ancora attaccate perfettamente ad esso, hanno bisogno della fase di fusione. Il foglio di carta deve passare attraverso una zona della stampante detta "forno di cottura", composto dal rullo fusore e dal pressore. Il rullo pressore comprime il foglio sul rullo fusore, che con il calore emesso salda il toner alla carta.
  6. pulizia: nella cartuccia, mentre avviene la rotazione, non tutto il toner collocato sul tamburo si trasferisce sul foglio di carta, perciò c'è necessità di un meccanismo di pulizia per consentire alla macchina di ripetere il procedimento di stampa. La lama di pulizia ha il compito di pulire il tamburo dal toner rimasto, non più riutilizzabile, trasportandolo in un serbatoio specifico. Esiste un'altra lama detta di recupero, che ha la mansione di impedire al toner rimasto di cadere davanti al tamburo, impedendogli quindi di uscire dalla cartuccia.
  7. cancellazione: dopo che la lama di pulizia ha tolto il residuo di toner, la macchina cancella le impronte di carica negativa ancora presenti sul rullo magnetico.

Commenti

Podcast in formato newsletter di Nicolò Titone

Post popolari in questo blog

Come funziona il lettore POS Air della Sumup. Acquistalo qui a (19€ offerta)

Il lettore Air della Sumup è attualmente quello piu' amato dagli Italiani perchè non ha costi fissi , non costa tanto, è comodo e non richiede connessioni aggiuntive con SIM dati o altro . Con questo mio link Sumup Air a sole 19 € affrettati Il lettore è semplicissimo da acquistare, è semplicissimo da configurare, è semplicissimo da utilizzare ed è veramente un amico da viaggio da portare sempre dietro per i clienti piu' esigenti. Basta registrarsi al sito e proseguire con la scelta del lettore, ne esistono anche altri tipi, per poi attivare il conto fornendo loro i dati della vostra Impresa ed il vostro Iban del conto corrente . registrati subito Il lettore si aggancia a qualsiasi conto corrente in vostro possesso per far si che la transazione addebbiti la cifra direttamente in un paio di giorni. Il lettore accetta tutte le carte fornite dai vostri clienti. Una volta completata la procedura per la richiesta, riceverete, al recapito inserito, entro 3/4 giorni il vostro lettor

Perchè devo avere la Spid? A cosa mi serve?

Consiglio a tutti sia privati che possessori di Partita Iva di affrettarsi a creare un identità digitale , appunto la SPID , perché potrebbe essere necessaria in qualsiasi momento per accedere a siti governativi, per inoltrare un concorso, per chiedere un Bonus o partecipare ad un bando di gara perché poi con le scadenze alle porte sarà difficile averla in breve tempo. Ad oggi i fornitori di Spid dove è possibile registrarsi ed avere una Spid personale o professionale sono i seguenti naturalmente con metodi e clausole contrattuali diverse. Quelli che non trovate nella lista o non sono convenienti oppure si sono abilitati in un secondo momento. Infocert - Attivabile gratis tramite firma digitale o cns oppure ad un Infocert Point (anche tabaccai) - Attivabile via webcam o con documento elettronico al costo di 29,90 €: Sielte id - Si può attivarla facendosi riconoscere tramite firma digitale, cns, di persona presso un loro ufficio o tramite webcam. Non sono specificati pagamenti alm

Quale carta mettere nel Registratore Telematico

Il rotolo di carta che va inserito nel Registratore Telematico per stampare i documenti commerciali (scontrini) è una carta termica che imprime il testo senza bisogno di inchiostro. Una cosa che dovete sapere e dovete verificare subito è l' omologazione della carta per registratori telematici e questo lo capite guardandola sul retro dove troverete un logo indicante l'omologazione . Sempre sul retro noterete anche una data di scadenza della carta termica , che dalla sua produzione dura 10 anni , si perché data la necessità di conservare eventuali documenti fiscali per 10 lunghissimi anni anche la carta dovrà garantire tale durata. Durante un eventuale controllo la Guardia di Finanza potrebbe emettere sanzione nel caso la carta non sia omologata o scaduta. State attenti se acquistate online che abbia i requisiti e le misure corrette per il vostro Registratore. Consigli per gli acquisti 50 rotoli di carta omologata   /   12 rotoli di carta omologata Nicolò Titone Registrati qui